Il Gazzettino.it
Cultura

Sara, da Puos d'Alpago alla British Library